Passa ai contenuti principali

Primo triumvirato Conte-DiMaio-Salvini

L'attuale governo italiano è un'anomalia di cui fatico a rintracciare un corrispettivo contemporaneo o passato. Un primo ministro senza alcuna rilevanza politica affiancato da due capipopolo. La cosa più simile che mi sovviene è un triumvirato, come Augusto, Antonio e Lepido.
Di Conte mi chiedo: in forza di che cosa si presta a questo ruolo? Con quale faccia tosta? Può una che non compete e non sfila con le altre diventare miss Italia? Può uno che non compra nemmeno il biglietto della lotteria vincere il primo premio? Quale genere di burocrazia perversa può consentire l'ascesa al potere di chi non ha rischiato assolutamente nulla? 

La partecipazione politica significa prima di tutto metterci la faccia. La differenza fra una democrazia e un governo militare sudamericano è che il capo del governo sudamericano non l'ha mai visto nessuno e nessuno lo conosceva, prima del colpo di stato. E' un anonimo generale dell'esercito. Il giorno dopo è il "presidente". In democrazia, viceversa, esiste la candidatura, il farsi pubblico di un privato; il mettersi letteralmente a disposizione dell'opinione pubblica. 
Conte non era un generale o un colonnello ma è quasi l'equivalente civile: un professore universitario. Che cos'ha dato alla collettività, di se, della sua faccia, delle sue idee? Che cosa ha promesso? Per cosa si è speso? Quale causa ha sposato che lo rendano degno di fiducia e del ruolo di guida?

Ai cinque stelle chiedo: quando finirà il disprezzo della politica? Come ho già scritto in questo blog, i rappresentanti politici sono l'argine allo strapotere dell'apparato tecnico-burocratico. Chi impedisce a quanti controllano le leve del potere di diventare padroni assoluti della cosa pubblica sono i deputati e senatori della Repubblica. Sminuirli, insultarli, insinuare che non servono a nulla fa il gioco di chi controlla le leve del potere: i dirigenti della pubblica amministrazione a tutti i livelli. 
La scelta di delegare a personale tecnico quante più decisioni possibili rappresenta un rischio enorme per il nostro futuro. Il rischio di annientare ogni voce della società civile e del mondo economico a favore della difesa di una casta impossibile da controllare. 

La politica e la democrazia nell'odierna declinazione sono voci furenti, indignazione, insulto come altrettanti appigli su una sfera viscosa e inafferrabile che contiene il potere dell'apparato decisionale pubblico.   

Commenti

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

L'equivoco sulla cultura

L'equivoco sulla cultura è solo un aspetto, forse più evidente di altri, di un equivoco generale che consiste nel far coincidere quel che esiste, e che è sempre stato fatto, con il Bene.
Ma andiamo con ordine.
Nel gennaio scorso ho visitato il Museo Egizio di Torino, erano i primissimi giorni dell'anno. Il museo è stato ristrutturato e ripensato pochi anni fa. Il direttore, nell'audio-guida, spiega che si è deciso di dare inizio al percorso museale focalizzandosi sulla storia del museo, esponendo la biografia e le immagini dei fondatori, i primi pezzi della raccolta - cioè i pezzi accumulati per primi e i pezzi concettualmente fondativi. S'è perfino tentato, usando qualche armadietto ottocentesco, di creare una stanza del primigenio museo, un misto fra laboratorio d'antiquariato e caffè con antichità esotiche.Questa scelta dà un messaggio importante: la soglia d'entrata conta; il contesto è essenziale. La scelta è voluta e consapevole.

Negli stessi giorni, il m…

Cosa chiede Greta

Se cambiano realmente le priorità collettive, l'intera organizzazione della società deve cambiare. Se al centro dei fini - quindi nel centro della focalizzazione etica - non c'è più l'individuo con i sui diritti, bensì l'ambiente con ogni forma di vita terrestre, le leggi non possono che cambiare.
Facciamo un esempio: le strisce pedonali. La precedenza concessa a chi attraversa sulle strisce risponde al principio di favorire l'individuo debole contro l'individuo più forte, a bordo del mezzo motorizzato. Rispondono blandamente anche a un'esigenza ecologica: favorire i pedoni sugli altri. Ma consideriamo un autobus pieno di gente costretto a rallentare e fermarsi per far passare un singolo pedone sulle strisce. Tale situazione prefigura uno spreco energetico e un maggiore inquinamento, dovuti alla frenata del mezzo e alla sua accelerazione del tutto evitabili se l'autobus avesse potuto continuare la sua corsa. Ecco che il codice della strada andrebbe camb…