Passa ai contenuti principali

Corrotti e corruttori del popolo

L'ascesa al potere del movimento cinque stelle (M5S) avvenne in larga misura sull'onda della denuncia del fenomeno corruttivo nella cosa pubblica, conclamato e virulento in alcuni settori dello stato, endemico in altri, ma comunque onnipresente. Il M5S intese corruzione morale prima ancora che materiale e fu proprio questo a portare voti. Corruzione morale perché nel mirino dei sedicenti moralizzatori c'erano non solo i casi di corruzione vera e propria (tangenti, conflitti di interesse palesi, truffe allo Stato, ecc.), ma la condotta stessa dei rappresentanti politici e dei loro accoliti di potere, descritti dal movimento come privilegiati senza merito, fannulloni strapagati, raccomandati cronici e poltronisti.
L'insieme della corruzione morale e materiale - sostennero giustamente gli ideologi del movimento - avviene a spese del popolo pagante e arrabbiato. E pazienza se, in epoche di vacche grasse e benessere diffuso, i corrotti prosperavano. Ma ora che le vacche sono magre e in troppi tirano la cinghia, i corrotti devono scomparire.

La leva del consenso divenne tuttavia, nelle mani del M5S arnese di scasso delle casse pubbliche. La denuncia della corruzione politica sul piano morale ebbe proprio nella morale consuetudinaria il proprio limite. Non arrivò e evidenziare la forma basilare di corruzione politica, che consiste per l'appunto nell'uso delle risorse pubbliche - che vuol dire anche del palcoscenico pubblico - per ingraziarsi gli elettori e assicurarsi un prolungamento di carriera. Abbiamo quindi:
Corruzione A (materiale) --> Truffe, tangenti, conflitti di interesse; 
Corruzione B (morale) --> Difendere i privilegi, raccomandare, cambiare casacca;
Corruzione C (demagogica) --> Usare risorse pubbliche per ingraziarsi gli elettori

La compressione delle prime due corruzioni servì al M5S per alimentare la terza, assai costosa ma indispensabile a esponenti politici, i rappresentanti del M5S, per definizione estranei a una gestione economica del potere, estranei ai palazzi e del tutto privi di mezzi per rimanervi diversi dal consenso puro e semplice dell'elettorato.

Ma si trattò di corruzione? Riportare le risorse ai cittadini - motivo implicito alla corruzione di tipo C - non dovrebbe essere un dovere dei governi democratici? Non vi fu la comprensione che focalizzare l'attenzione solo sulla redistribuzione della ricchezza, senza i valutare gli effetti che tale ridistribuzione produce sulla possibilità di continuare a produrre ricchezza significa ridurre sempre più la ricchezza a disposizione. In sostanza si adottò un approccio alla "terminator", come se non vi fosse un domani. Il fenomeno corruttivo non fu affatto sconfitto, né combattuto, cambiò semplicemente punto d'appoggio e obiettivo: dalla produzione della ricchezza - cui sono collegati la corruzione A e, in parte B (la corruzione B deriva perlopiù dall'assuefazione al potere), al consumo della ricchezza collegato alla corruzione C. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

Comprare o produrre?

Oggi Google mi ha inviato, a un indirizzo che uso quasi solo per lavoro, un'email semipromozionale dal titolo "Dolcetto o scherzetto?". La cosa ha un effetto straniante, come un'invasione aliena: su uno strumento che mi serve per produrre arriva un invito a consumare/acquistare. Come se sul bancone di un fabbro un venditore ambulante organizzasse una piccola esposizione di caramelle.
Fa riemergere un'idea che meditavo qualche tempo fa... i cercatori di felicità ed equilibrio potrebbero limitarsi a dividere il mondo in due colonne: comprare e produrre, dove produrre genere felicità e soddisfazione, mentre comprare genera depressione e insoddisfazione.
Quindi alle coppie dei pitagorici:

limitato vs illimitato  dispari vs pari  unico vs molteplice  destra vs sinistra  maschio vs femmina  quiete vs moto  diritto vs curvo  luce vs tenebra  bene vs male  quadrato vs rettangolo
Ne aggiungerei senz'altro un'undicesima:
produrre vs comprare