venerdì 4 marzo 2022

Filosofi contro il popolo

Gli statunitensi invadono un altro paese per la libertà e dichiarandosi i paladini del bene. I russi invadono un altro paese perché "storicamente" hanno un diritto - culturale, legale, geografico - su quel paese. Le motivazioni americane sono banali, popolari, quelle russe sono intellettuali, elaborate. Anche per questo molti intellettuali italiani sono sprezzanti con gli americani, ma tolleranti, se non addirittura benevoli, con i russi: vedi Donatella di Cesare o Luciano Canfora, per non parlare di chi prudentemente si tace ma la pensa come loro... L'invasione dell'Ucraina è una variante molto concreta della prevaricazione strutturale delle classi istruite sulle classi popolari: il letterato che compatisce il ragioniere, il filosofo che, stanco della mollezza liberale, prende finalmente a schiaffi (...a pugnalate, diciamo) il consulente d'immagine; lo zelante studioso di un testo sacro che sputa alla ragazzina dalla gonna troppo corta, e via dicendo... fra i benpensanti può farci una brutta figura, ma trova immancabilmente difensori. 

Nessun commento:

Posta un commento

Meglio una civiltà più viva o una civiltà più giusta?

Prendiamo la nostra civiltà, o “società”, ormai le due cose si equivalgono visto che appare “civile” solo quanto è sufficientemente “sociale...