Passa ai contenuti principali

Cambiamento climatico e crisi del debito

Trovo interessante la similitudine fra lo schema psicologico connesso al cambiamento climatico e l'altro sulla crisi dei debiti sovrani. In entrambi i casi vi sono in gioco il debito e il credito, risorse e consumo consapevole, colpa, insaziabilità.
Il tema di fondo, identico nei due contesti è il seguente: chiediamo troppo. Chiediamo troppo alla natura (le risorse) o chiediamo troppo allo Stato (denaro a credito) e quindi ne paghiamo le conseguenze.

A ben vedere questa della colpa originaria è un'ottica linearmente cristiana. Ma è un altro discorso...

Mi interessa rilevare che se i cambiamenti climatici non dipendono dalle attività umane (il che escluderebbe la colpa) e se sono avvenuti più volte in passato, anche quando gli esseri umani avevano già costruito società complesse, e se tali società complesse sono state distrutte dai cambiamenti avvenuti, allora ne consegue che l'attuale cambiamento può distruggere anche la nostra civiltà e pertanto dovremmo fare qualcosa per contrastare attivamente i cambiamenti climatici naturali.

Il che è - sotto il profilo ideologico - esattamente il contrario di quanto crede la maggior parte dell'opinione pubblica e cioè che la terra ci chieda di limitare la nostra azione, di trattenere la mano modificatrice per consentire al pianeta di riprendere un proprio ciclo climatico naturale.
Se l'uomo debba modificare la natura, o possa farlo, o se non debba rimettersi a essa essendone parte. Indubbiamente il senso di colpa derivante dalla convinzione - probabilmente fondata - di essere l'artefice dei cambiamenti climatici può indurre l'essere umano a ritenere che un atteggiamento "passivo" sia la soluzione corretta al problema climatico: meno consumi, meno emissioni. Ma paradossalmente proprio la passività di fronte al cambiamento equivarrebbe a una passeggiata tranquilla e ingenua verso la catastrofe. Il cambiamento climatico - sia esso naturale o artificiale - deve essere affrontato attivamente, il che significa servendosi di tecnologie sempre più costose e sofisticate; viceversa ogni visione filosofico/religiosa o colpevolizzante dovrebbe essere evitata.

Debito e clima mostrano come nell'occidente cristiano, e ormai nel mondo intero, continui a non esservi profitto senza colpa o senso di colpa. La radice forse è ancora più antica, ed è nel trascurare i bisogni spirituali, un sapere superiore (sofìa) per dedicarsi unicamente ai bisogni e ai saperi terreni (frònesis). Perché esiste questo meccanismo instrinseco? Cos'è? E' funzionale alla conservazione della specie, che non passa semplicemente per la salvezza di un individuo? Forse è funzionale alla conservazione del gruppo... un istinto di conservazione delle relazioni.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

L'equivoco sulla cultura

L'equivoco sulla cultura è solo un aspetto, forse più evidente di altri, di un equivoco generale che consiste nel far coincidere quel che esiste, e che è sempre stato fatto, con il Bene.
Ma andiamo con ordine.
Nel gennaio scorso ho visitato il Museo Egizio di Torino, erano i primissimi giorni dell'anno. Il museo è stato ristrutturato e ripensato pochi anni fa. Il direttore, nell'audio-guida, spiega che si è deciso di dare inizio al percorso museale focalizzandosi sulla storia del museo, esponendo la biografia e le immagini dei fondatori, i primi pezzi della raccolta - cioè i pezzi accumulati per primi e i pezzi concettualmente fondativi. S'è perfino tentato, usando qualche armadietto ottocentesco, di creare una stanza del primigenio museo, un misto fra laboratorio d'antiquariato e caffè con antichità esotiche.Questa scelta dà un messaggio importante: la soglia d'entrata conta; il contesto è essenziale. La scelta è voluta e consapevole.

Negli stessi giorni, il m…

Cosa chiede Greta

Se cambiano realmente le priorità collettive, l'intera organizzazione della società deve cambiare. Se al centro dei fini - quindi nel centro della focalizzazione etica - non c'è più l'individuo con i sui diritti, bensì l'ambiente con ogni forma di vita terrestre, le leggi non possono che cambiare.
Facciamo un esempio: le strisce pedonali. La precedenza concessa a chi attraversa sulle strisce risponde al principio di favorire l'individuo debole contro l'individuo più forte, a bordo del mezzo motorizzato. Rispondono blandamente anche a un'esigenza ecologica: favorire i pedoni sugli altri. Ma consideriamo un autobus pieno di gente costretto a rallentare e fermarsi per far passare un singolo pedone sulle strisce. Tale situazione prefigura uno spreco energetico e un maggiore inquinamento, dovuti alla frenata del mezzo e alla sua accelerazione del tutto evitabili se l'autobus avesse potuto continuare la sua corsa. Ecco che il codice della strada andrebbe camb…