Passa ai contenuti principali

Cambiamento climatico e crisi del debito

Trovo interessante la similitudine fra lo schema psicologico connesso al cambiamento climatico e l'altro sulla crisi dei debiti sovrani. In entrambi i casi vi sono in gioco il debito e il credito, risorse e consumo consapevole, colpa, insaziabilità.
Il tema di fondo, identico nei due contesti è il seguente: chiediamo troppo. Chiediamo troppo alla natura (le risorse) o chiediamo troppo allo stato (denaro a credito) e quindi ne paghiamo le conseguenze.
A ben vedere questa è un'ottica linearmente cristiana. Ma questo è un altro discorso...
Mi interessa rilevare che se i cambiamenti climatici non dipendono dalle attività umane (il che escluderebbe la colpa) e se sono avvenuti più volte in passato, anche quando gli esseri umani avevano già costruito società complesse, e se tali società complesse sono state distrutte dai cambiamenti avvenuti, allora ne consegue che l'attuale cambiamento può distruggere anche la nostra civiltà e pertanto dovremmo fare qualcosa per contrastare attivamente i cambiamenti climatici naturali. Il che è - sotto il profilo ideologico - esattamente il contrario di quanto crede la maggior parte dell'opinione pubblica e cioè che la terra ci chieda di limitare la nostra azione, di trattenere la mano modificatrice per consentire al pianeta di riprendere un proprio ciclo climatico naturale.
Se l'uomo debba modificare la natura, o possa farlo, o se non debba rimettersi a essa essendone parte. Indubbiamente il senso di colpa derivante dalla convinzione - probabilmente fondata - di essere l'artefice dei cambiamenti climatici può indurre l'essere umano a ritenere che un atteggiamento "passivo" sia la soluzione corretta al problema climatico: meno consumi, meno emissioni. Ma paradossalmente proprio la passività di fronte al cambiamento equivarrebbe a una passeggiata tranquilla e ingenua verso la catastrofe. Il cambiamento climatico - sia esso naturale o artificiale - deve essere affrontato attivamente, il che significa servendosi di tecnologie sempre più costose e sofisticate; viceversa ogni visione filosofico/religiosa o colpevolizzante dovrebbe essere evitata.

Debito e clima mostrano come nell'occidente cristiano, e ormai nel mondo intero, continui a non esservi profitto senza colpa o senso di colpa. La radice forse è ancora più antica, ed è nel trascurare i bisogni spirituali, un sapere superiore (sofìa) per dedicarsi unicamente ai bisogni e ai saperi terreni (frònesis). Perché esiste questo meccanismo instrinseco? Cos'è? E' funzionale alla conservazione della specie, che non passa semplicemente per la salvezza di un individuo? Forse è funzionale alla conservazione del gruppo... un istinto di conservazione delle relazioni.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

Un gioco troppo facile

Non si è riflettuto abbastanza, a mio parere, sulle conseguenze economiche della completa digitalizzazione della pubblica amministrazione. Soprattutto nei paesi, come l'Italia, che interpretano la digitalizzazione soprattutto come un sistema di controllo sui comportamenti illegali/da correggere.

Già ora viviamo in una sorta di sistema "implicativo" o "allegante": per tutta una serie di beni, ogni volta che li acquistiamo acquistiamo in realtà il primo anello di una "catena". Crediamo di acquistare solo il bene economico in se, in realtà compriamo tutta una filiera. E non si tratta della filiera che ha prodotto il bene in questione, ma di una filiera "futura";
per esempio compriamo un'auto e ci accolliamo la catena di bolli, revisioni, assicurazioni, service, manutenzioni etc.
compriamo una casa e ci accolliamo, tasse, bollette etc.
compriamo una televisione e ci accolliamo gli abbonamenti pubblici e privati
compriamo una caldaia e ci acc…

Corrotti e corruttori del popolo

L'ascesa al potere del movimento cinque stelle (M5S) avvenne in larga misura sull'onda della denuncia del fenomeno corruttivo nella cosa pubblica, conclamato e virulento in alcuni settori dello stato, endemico in altri, ma comunque onnipresente. Il M5S intese corruzione morale prima ancora che materiale e fu proprio questo a portare voti. Corruzione morale perché nel mirino dei sedicenti moralizzatori c'erano non solo i casi di corruzione vera e propria (tangenti, conflitti di interesse palesi, truffe allo Stato, ecc.), ma la condotta stessa dei rappresentanti politici e dei loro accoliti di potere, descritti dal movimento come privilegiati senza merito, fannulloni strapagati, raccomandati cronici e poltronisti.
L'insieme della corruzione morale e materiale - sostennero giustamente gli ideologi del movimento - avviene a spese del popolo pagante e arrabbiato. E pazienza se, in epoche di vacche grasse e benessere diffuso, i corrotti prosperavano. Ma ora che le vacche son…