Passa ai contenuti principali

Fassina, il PD e le tasse

E' un po' penosa la polemica sorta nel PD dopoché il viceministro Fassina ha ipotizzato l'esistenza di "un'evasione della sopravvivenza". Penosa perché la dichiarazione di Fassina è più ingenua di quanto non avrebbe dovuto essere, dato il ruolo rivestito dallo stesso, e la reazione del PD appare, come al solito, parolaia... come se la realtà dipendesse da quel che viene detto e non, come accade, da ciò che viene fatto... come se quel che non è detto non esistesse (scriverò un post su questo: "sia quel che sia, basta che io non ne sappia nulla..." mi viene in mente un vecchio film con Gino Cervi.... basta che nessuno lo dica e il problema è già grandemente inferiore)
In ogni caso l'ingenuità di Fassina dipende da questo: la tolleranza dell'evasione fiscale in Italia è stata per anni uno strumento improprio, non formalizzato, per abbassare la pressione fiscale sulle imprese e sui consumatori. Per anni la tolleranza dell'evasione ha ottenuto i risultati che sarebbero spettati, maggiori ancora, a un piano di governo serio e programmatico. Poiché quest'ultimo non si riusciva a fare (o non si voleva fare) a causa dell'instabilità politica o degli interessi di parte, la tolleranza dell'evasione è stata l'unica soluzione, l'unico sistema per fare, poco e male, quel che andava fatto.
Tremonti aveva quasi teorizzato questa funzione "incentivante" dell'evasione (ricordo un excursus in occasione di un raduno generale della Guardia di Finanza trasmesso in TV in un anno di mia assoluta disoccupazione).
Alcuni sostengono che l'economia italiana fosse, e sia ancora, "drogata dall'evasione fiscale". Ma dire che l'economia tollerante con l'evasore è drogata significa affermare, implicitamente, che se i soldi evasi fossero stati pagati al fisco le cose andrebbero molto meglio di come vanno... il che è tutto da verificare, dal momento che da quando l'Italia ha cominciato a combattere seriamente l'evasione senza abbassare le tasse le cose han cominciato ad andare sempre peggio.
"Saremmo cresciuti di meno ma meglio, pagando le tasse..." questo significa "drogata dall'evasione fiscale". Di un discorso economico si fa un discorso morale, o viceversa... inavvertitamente.

L'evasione in Italia è stata a lungo tollerata e ha svolto la funzione di incentivo fiscale. E non tanto per sopravvivere ma piuttosto per costruirsi ville che a loro volta hanno attivato circuiti economici virtuosi. Vista dai nostri politici/amministratori l'evasione è stata l'ennesimo strumento utile a evitare una riforma strutturale della spesa pubblica, perché ha permesso all'economia di crescere, sia pure poco, male e illegalmente, ma senza sottrarre prerogative legali allo stato, senza evidenziarne l'insostenibilità strutturale, senza allargare l'area dell'iniziativa privata.
L'evasione della sopravvivenza non produce crescita economica ma solo miseria morale. L'evasione che non serve a costruire ville ma a comprarsi la bistecca al supermercato illividisce, alimenta rabbia, frustrazione. Quindi che Fassina ci dica quel che dice è un fatto naif, da asilo nido. E che il PD si indigni per l'evasione è ignoranza o ipocrisia. Abbassino le tasse, taglino la spesa pubblica e poi, solo poi, si indignino con gli evasori...

Commenti

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

Un gioco troppo facile

Non si è riflettuto abbastanza, a mio parere, sulle conseguenze economiche della completa digitalizzazione della pubblica amministrazione. Soprattutto nei paesi, come l'Italia, che interpretano la digitalizzazione soprattutto come un sistema di controllo sui comportamenti illegali/da correggere.

Già ora viviamo in una sorta di sistema "implicativo" o "allegante": per tutta una serie di beni, ogni volta che li acquistiamo acquistiamo in realtà il primo anello di una "catena". Crediamo di acquistare solo il bene economico in se, in realtà compriamo tutta una filiera. E non si tratta della filiera che ha prodotto il bene in questione, ma di una filiera "futura";
per esempio compriamo un'auto e ci accolliamo la catena di bolli, revisioni, assicurazioni, service, manutenzioni etc.
compriamo una casa e ci accolliamo, tasse, bollette etc.
compriamo una televisione e ci accolliamo gli abbonamenti pubblici e privati
compriamo una caldaia e ci acc…

Corrotti e corruttori del popolo

L'ascesa al potere del movimento cinque stelle (M5S) avvenne in larga misura sull'onda della denuncia del fenomeno corruttivo nella cosa pubblica, conclamato e virulento in alcuni settori dello stato, endemico in altri, ma comunque onnipresente. Il M5S intese corruzione morale prima ancora che materiale e fu proprio questo a portare voti. Corruzione morale perché nel mirino dei sedicenti moralizzatori c'erano non solo i casi di corruzione vera e propria (tangenti, conflitti di interesse palesi, truffe allo Stato, ecc.), ma la condotta stessa dei rappresentanti politici e dei loro accoliti di potere, descritti dal movimento come privilegiati senza merito, fannulloni strapagati, raccomandati cronici e poltronisti.
L'insieme della corruzione morale e materiale - sostennero giustamente gli ideologi del movimento - avviene a spese del popolo pagante e arrabbiato. E pazienza se, in epoche di vacche grasse e benessere diffuso, i corrotti prosperavano. Ma ora che le vacche son…