Passa ai contenuti principali

Il reddito di Bortolussi, paladino dei poveri artigiani...

Apprendo dal quotidiano locale che il sig. Giuseppe Bortolussi è il più facoltoso consigliere regionale del Veneto. Il suddetto vanta niente po' po' di meno che 619.800 euro (pari a circa 24.600 euro NETTI al mese, senza calcolare la diaria dei consiglieri regionali) di reddito imponibile relativo all'anno 2012.
A informarsi su chi sia costui, bisogna dire che la notizia sorprende un poco. Bortolussi svolge la professione di "segretario" della CGIA di Mestre, una potente società collaterale della Confartigianato Veneta.
Quello che sorprende è il fatto che un giorno sì e un giorno no il centro studi della CGIA di Mestre occupi i giornali, le TV e le radio con scoppiettanti news relative a quanto gravino le tasse e le imposte su artigiani, piccole e piccolissime imprese... che insista su quanto sono bassi i redditi medi reali di detti piccoli imprenditori. Ora, che il segretario di tale organizzazione, la quale evidentemente si regge sulle tessere degli iscritti alla confartigianato, guadagni venti o trenta volte il reddito medio di un artigiano può lasciare un po' perplessi. Altri direbbero meravigliati... eppure è proprio così.
Rimaniamo in attesa di sapere, da una delle news del centro studi CGIA di Mestre quanto pesi nelle tasche di ciascun artigiano il reddito del sig. Bortolussi... al netto e al lordo dello stipendio di consigliere regionale e magari aggiustando detta cifra sui risultati, in termini di calo della pressione fiscale, ottenuti dalle campagne martellanti della CGIA...

Commenti

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

Un gioco troppo facile

Non si è riflettuto abbastanza, a mio parere, sulle conseguenze economiche della completa digitalizzazione della pubblica amministrazione. Soprattutto nei paesi, come l'Italia, che interpretano la digitalizzazione soprattutto come un sistema di controllo sui comportamenti illegali/da correggere.

Già ora viviamo in una sorta di sistema "implicativo" o "allegante": per tutta una serie di beni, ogni volta che li acquistiamo acquistiamo in realtà il primo anello di una "catena". Crediamo di acquistare solo il bene economico in se, in realtà compriamo tutta una filiera. E non si tratta della filiera che ha prodotto il bene in questione, ma di una filiera "futura";
per esempio compriamo un'auto e ci accolliamo la catena di bolli, revisioni, assicurazioni, service, manutenzioni etc.
compriamo una casa e ci accolliamo, tasse, bollette etc.
compriamo una televisione e ci accolliamo gli abbonamenti pubblici e privati
compriamo una caldaia e ci acc…

Corrotti e corruttori del popolo

L'ascesa al potere del movimento cinque stelle (M5S) avvenne in larga misura sull'onda della denuncia del fenomeno corruttivo nella cosa pubblica, conclamato e virulento in alcuni settori dello stato, endemico in altri, ma comunque onnipresente. Il M5S intese corruzione morale prima ancora che materiale e fu proprio questo a portare voti. Corruzione morale perché nel mirino dei sedicenti moralizzatori c'erano non solo i casi di corruzione vera e propria (tangenti, conflitti di interesse palesi, truffe allo Stato, ecc.), ma la condotta stessa dei rappresentanti politici e dei loro accoliti di potere, descritti dal movimento come privilegiati senza merito, fannulloni strapagati, raccomandati cronici e poltronisti.
L'insieme della corruzione morale e materiale - sostennero giustamente gli ideologi del movimento - avviene a spese del popolo pagante e arrabbiato. E pazienza se, in epoche di vacche grasse e benessere diffuso, i corrotti prosperavano. Ma ora che le vacche son…