Passa ai contenuti principali

aspettando Robespierre (e perso Monti...)

In Italia, aspettando Robespierre, si tagliano teste (mediaticamente) un po' a caso. Robespierre taglierà sistematicamente.
Io penso che Monti sia stato la cosa più simile a Robespierre che abbiamo avuto da molti anni a questa parte. Per questo è caduto tanto in disgrazia presso grandi e piccoli elettori. Bastano queste sette cose a far capire quanto fastidio abbia dato (un fastidio che né Letta, né i 5 stelle, né Renzi, credo, riescono o riusciranno a dare):
1. l'IMU sulla prima casa: la sacrosanta tassazione del patrimonio accumulato (Robespierre 1)
2. la legge Severino (senza commento, Robespierre 2)
3. la scure sui soldi ai gruppi regionali, sia pure aiutato da scandali "fortunati" (Robespierre 3)
4. la legge di stabilità 2012 con il divieto per gli enti locali di costituire nuove società partecipate (poltronifici) e l'obbligo (disatteso) di sciogliere progressivamente le società in essere non strategiche.
5. Il limite dei 1000 euro sui contanti (tanto per farsi odiare dai commercianti).
6. Il controllo sistematico del fisco su tutti i conti correnti.
7. (non gli è riuscita, stava proprio esagerando...) il taglio delle province.

Se qualcuno si stupisce della damnatio memoriae su Monti, basta che si rilegga questi sette punti e ne avrà minuta contezza....
Gli italiani, beoti e approfittatori, inneggiano ai demagoghi antistatalisti e antipolitici di turno, ma quando si imbattono in qualcuno che davvero limita benefici e rendite di posizione, subito l'odiano e vogliono liberarsene...

Commenti

  1. 1. l'IMU era automatica nel caso di necessità di bilancio
    2. legge di buon senso, non appare tagliateste
    3. il bilancio delle regioni è composto per l'80% da costi della sanità. Il taglio dei costi dei gruppi è operazione giusta nel merito e che accontenta i tagliateste; non è particolarmente lesivadei i centri di potere (e di costo) più sensibili.
    4. giusto.Costi insostenibili.
    5. giusto. Nei confronti di questa operazione più che l'odio dei commercianti mi colpisce l'amore dei banchieri.
    6. annunciato ma non iniziato
    7. le provincie sono ancora lì

    Aggiungo che nell'annuncio di insediamento Monti disse che avrebbe aggiunto un'imposizione dell'1.5% al 5% dello scudo fiscale per il rientro dei capitali. Da "tecnico" appena insediato (solo dopo il suo profilo si fece apertamente partitico) fece subito la figura del Robespierre. Peccato poi scoprire che lo scudo era tombale e non retroattivo, per ragioni tecniche che avrebbe saputo prevedere anche uno studente dell'Accademia di Belle Arti. Sempre da tecnico tagliateste era a capo del governo che ha provocato lo scandalo degli esodati.
    Un vero Robespierre.
    La damnatio memoriae non è avvenuta per il semplice fatto che la memoria non è mai esistita. Monti è un uomo piccolo (un altro nano!!) sulle spalle di giganti.

    RispondiElimina
  2. Mah...mi dai ragione su tutto ma dici che non vale?
    1. I problemi di bilancio ci sono ancora ma l'IMU è stata abolita.... per ragioni squisitamente politiche
    2. infatti sarà un miracolo se questo governo non l'annullerà, passo per una distrazione momentanea degli avvocati di berlusca
    3. monti ha attuato un corposo taglio ai fondi regionali anche per la sanità; tanto è vero che tutte le regioni sono in difficoltà e moltre strutture chiudono o licenziano.
    4. (come dicevo, mi dai ragione)
    5. è sacrosanto; che gliè frega ai banchieri... tanto li salviamo comunque con soldi pubblici... mica gli serviva 'sta cosa qua
    6. è iniziato in questi giorni invece, ma grazie a una legge del governo monti
    7. come dicevo, appunto, era troppo non gliel'hanno permesso.
    Lo scudo fiscale è una grande baggianata, una bellinata da Tremonti; necessariamente fallimentare fino a che non ci sono accordi bilaterali con i paradisi fiscali. Neanche gli americani riescono farsi restituire i soldi dalla svizzera, figuriamoci noi, che siamo gli ultimi della classe... ma c'è chi preferisce farsi contare balle.
    Il dileggio generale e il "parliamone meno possibile" è la cosa più simile a una damnatio memoriae.
    Letta si sta dimostrando un vero nano (di un nano segue anche le feroci imposizioni). Non parliamo dei presunti rivoluzionari a cinque stelle... che, ci scommetto, stanno solo pensando a dove pigliare altre poltrone...

    RispondiElimina
  3. Non che Monti non abbia sbagliato nulla... anzi... sul piano politico ha sbagliato tutto. Soprattutto ha sbagliato a candidarsi sapendo che non avrebbe retto una campagna elettorale; ha sbagliato ad allearsi con Casini and C. eccetera. Ma che fosse un punitore dei dissipatori, non c'è dubbio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sul cosiddetto "reddito di cittadinanza"

Il cosiddetto "reddito di cittadinanza" è in realtà un molto più prosaico "sussidio", o "assegno sociale". Ma è significativo che i suoi fautori lo chiamino proprio così: "reddito di cittadinanza".

Il "reddito", in primo luogo, è "l'utile che deriva dall'esercizio di un mestiere", scrive la Treccani. Solo secondariamente la parola "reddito" è associabile a una "rendita", come può essere una pensione, la quale va a formare in effetti il "reddito" annuale di un pensionato.
Nel campo semantico del "reddito", come pure nella "rendita", sono impliciti il "ritornare" e il "rendere", termini che implicano necessariamente lo scambio, ben evidenziato dal prefisso "ri-/re-". "Rendere" non è solo "dare", è dare poiché si è avuto o anche, per il recipiente, avere per aver in precedenza dato. In quest'ultimo senso una pensione è…

Un gioco troppo facile

Non si è riflettuto abbastanza, a mio parere, sulle conseguenze economiche della completa digitalizzazione della pubblica amministrazione. Soprattutto nei paesi, come l'Italia, che interpretano la digitalizzazione soprattutto come un sistema di controllo sui comportamenti illegali/da correggere.

Già ora viviamo in una sorta di sistema "implicativo" o "allegante": per tutta una serie di beni, ogni volta che li acquistiamo acquistiamo in realtà il primo anello di una "catena". Crediamo di acquistare solo il bene economico in se, in realtà compriamo tutta una filiera. E non si tratta della filiera che ha prodotto il bene in questione, ma di una filiera "futura";
per esempio compriamo un'auto e ci accolliamo la catena di bolli, revisioni, assicurazioni, service, manutenzioni etc.
compriamo una casa e ci accolliamo, tasse, bollette etc.
compriamo una televisione e ci accolliamo gli abbonamenti pubblici e privati
compriamo una caldaia e ci acc…

Corrotti e corruttori del popolo

L'ascesa al potere del movimento cinque stelle (M5S) avvenne in larga misura sull'onda della denuncia del fenomeno corruttivo nella cosa pubblica, conclamato e virulento in alcuni settori dello stato, endemico in altri, ma comunque onnipresente. Il M5S intese corruzione morale prima ancora che materiale e fu proprio questo a portare voti. Corruzione morale perché nel mirino dei sedicenti moralizzatori c'erano non solo i casi di corruzione vera e propria (tangenti, conflitti di interesse palesi, truffe allo Stato, ecc.), ma la condotta stessa dei rappresentanti politici e dei loro accoliti di potere, descritti dal movimento come privilegiati senza merito, fannulloni strapagati, raccomandati cronici e poltronisti.
L'insieme della corruzione morale e materiale - sostennero giustamente gli ideologi del movimento - avviene a spese del popolo pagante e arrabbiato. E pazienza se, in epoche di vacche grasse e benessere diffuso, i corrotti prosperavano. Ma ora che le vacche son…